1


M° Livio De Luca


Musicista, compositore e scrittore; docente di Conservatorio.

Parallelamente agli studi classici ha condotto quelli musicali diplomandosi in Pianoforte, Clavicembalo, Organo e composizione organistica, Canto gregoriano presso il Conservatorio di S.Pietro a Majella di Napoli.

La molteplicità delle sue esperienze e conoscenze musicali lo hanno portato a collaborare con varie orchestre, tra cui la “A. Scarlatti” di Napoli, l'Orchestra del Teatro di S. Carlo di Napoli, la Nuova Orchestra Scarlatti, l'Orchestra Sinfonica di Roma e Napoli della RAI, l'Orchestra Internazionale d’Italia.

Ha effettuato registrazioni di opere contemporanee per pianoforte e fiati presso la Radiotelevisione della Svizzera Italiana e la Radiotelevisione lussemburghese. Come clavicembalista è stato prescelto per la realizzazione di una trasmissione televisiva sul ‘seicento napoletano prodotta dalla rete televisiva francese  Antenne 2.

Ha partecipato all'esecuzione e registrazione televisiva della Petite Messe Solennelle di G. Rossini (diffusa su Raitre) sotto la guida di A. Zedda col quale ha prestato la sua opera anche per l'oratorio “La Resurrezione” di G. F. Händel.

Ha collaborato all'esecuzione e registrazione dell'operina “Livietta e Tracollo” e di altre composizioni vocali di G.B. Pergolesi sotto la guida di R. Clemencic. Con la direzione di G. Acciai ha eseguito e registrato (registrazione trasmessa da Radiotre) il Salmo 50 di F. Durante. Ha preso parte, inoltre, a concerti diretti da L. Berio, K. Penderezky, F. Caracciolo,  Panni. Vincitore e finalista di concorsi pianistici (“F. Liszt”, “G. Martucci”, “E. Porrino”) ha svolto un'intensa attività concertistica che comprende numerosissime esecuzioni tra recital, concerti solistici, concerti con complessi da camera o con gruppi strumentali, come continuista e come accompagnatore di solisti o di cori. Il suo repertorio già eseguito in pubblico comprende oltre quattrocento titoli che spaziano dal repertorio barocco a quello contemporaneo (includendo prime esecuzioni moderne di composizioni antiche e prime esecuzioni assolute) e si articola tra i diversi strumenti che ha studiato.  Sono da segnalare l'integrale delle Sonate da Chiesa per organo ed archi di W. A. Mozart, l'integrale delle Sonate e dei Preludi e Fuga  di F. Mendelssohn per organo, l'integrale delle sonate per violoncello e pianoforte di L. v. Beethoven, l'Offerta Musicale ed il Quinto Concerto Brandeburghese di J. S. Bach.

Attualmente è docente presso il  Conservatorio “S. Pietro a Majella” di  Napoli; fino all’A.A. 2008/2009 ha insegnato presso il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento ove è stato incaricato di diversi insegnamenti tra cui Semiologia generale e di Semiologia della Musica, Laboratorio di Composizione, Videoscrittura, Elementi di clavicembalo e organo, Intavolature e loro trascrizione, Semiologia del Cinema, Semiologia dell’'Audiovisivo nell'ambito del  Triennio Specialistico Sperimentale, Videoscrittura, Musica applicata Pratica dell’'accompagnamento vocale e strumentale per il Biennio Specialistico Sperimentale .

Nel 1998 è stato insignito del Premio Internazionale “Luigi Vanvitelli” per il libro "Musica, informazione, consenso: il Ventennio lungo settant’anni". Il volume è presente nella Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III di Napoli” con la seguente collocazione: SBN Inventario DON 1194897 Collocazione 2001 B 0062. Il suo studio "La Musica tra Letteratura e Filosofia: il non-conoscibile come discrimine tra scienza e conoscenza" è stato edito dal Sindacato Libero Scrittori Italiani.

È stato Presidente dell'’associazione “Ex-allievi del Conservatorio di Musica S. Pietro a Majella di Napoli”.

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo la novella “Ma(ço)nnerie” edita dalle “Edizioni de Il Razionale” ed il saggio "Tra conformismo ed ipocrisia: il Novecento", edito per "I quaderni di ricerca" del Conservatorio di Musica di Benevento”; il suo saggio "Analisi del Don Giovanni di Mozart-Da Ponte" è pubblicato nel volume "Mozart in scena", Edizioni Millennium, Bologna 2005 per Annali dell’Architettura - Napoli, Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

La sua attività compositiva lo vede impegnato soprattutto nel genere della Kammeroper, nel cui ambito ha dato vita alle operine da camera "Cenerentola non perse la scarpetta" prodotta dal Teatro S. Carluccio di Napoli, "L’uomo della Folla" –tratta da un radiodramma di Clara Fiorillo, le favole in musica "Il lupo racconta Cappuccetto Rosso" e "Le meraviglie di Alice" liberamente tratta dalla celeberrima favola di Lewis Carrol; le ultime due sono state commissionate dall'Orchestra da Camera di Caserta. Sono state tutte più volte rappresentate numerose volte riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica.

Per quanto concerne l'aspetto organistico, è da sottolineare la sua attività concertistica che ha compreso esecuzioni su più di cento diversi organi sia in Italia che all'estero tra cui quello monumentale dell’Auditorium della RAI di Napoli; alcuni di questi sono stati da lui inaugurati subito dopo la costruzione o il restauro come quello dell’'Immacolata al Gesù Nuovo di Napoli, quello della Cattedrale di Tropea, quello della Chiesa del Corpus Domini di Gragnano.

È stato l'Ideatore, Organizzatore, Responsabile e Tutor del Corso di Formazione Professionale per “Maestro di Arte Organaria”, il primo del suo genere ad essere organizzato dalla Regione Campania ed uno dei primi in tutta Italia, finanziato dalla Comunità Europea. Dal marzo 1999 al febbraio 2000 ha ricoperto l'’incarico di Direttore Artistico e Musicale della Reggia di Caserta, conferitogli dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici per le Province di Caserta e Benevento. Nel 1992 è stato nominato da S. Em. l’'Arcivescovo Metropolita di Napoli Cardinale Michele Giordano Componente della Commissione per la Musica Sacra per l’'Arcidiocesi di Napoli. Nel 1988 è stato nominato Organista Ufficiale della Chiesa del Gesù Nuovo in Napoli; attualmente è organista ufficiale della Chiesa di Santa Caterina a Chiaja.

Dal 2003 ha svolto attività di consulenza per la Soprintendenza ai B.A.P.-P.S.A.E. di Napoli e Provincia in qualità di esperto per il restauro di organi antichi; in tale veste ha svolto un'intensa opera a favore della tutela del patrimonio organario di Napoli e provincia. È stato direttore dei lavori per il restauro dei due organi storici della Chiesa del Corpus Domini in Gragnano (NA), incarico che è stato portato a buon fine con il concerto inaugurale degli stessi monumentali organi. È stato direttore dei lavori di restauro dell’'organo Domenico Antonio Rossi 1769 allocato nella Chiesa di S. Gregorio Armeno in Napoli. Nel maggio 2006 ha ricevuto l’'incarico di Consulente nel Restauro del Patrimonio Organario dalla Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico  della Calabria-Cosenza, per la quale ha operato a favore della tutela del patrimonio organario allocato sul territorio. È stato docente a contratto presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli per il Laboratorio di Catalogazione e Restauro degli strumenti musicali antichi con particolare riferimento agli organi. Nel giugno 2007 ha pubblicato per conto della Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico della Basilicata il volume "Elementi fondamentali di catalogazione degli strumenti musicali con particolare riferimento agli organi". [Catalogazione Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III di Napoli”: SBN Inventario DON 1207124 Collocazione 2007 B 1218].

Nel giugno 2009 è stato nominato Ispettore Onorario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali  per la Tutela e la Vigilanza degli Organi Storici.

Nell'aprile 2011 è stato nominato componente della Commissione di Valutazione  Qualitativa delle Iniziative Proposte per il Sostegno Regionale per il Settore Musica per la Regione Campania.

 

Copyright © Coro Polifonico S. Caterina a Chiaia - Napoli  2012
  Site Map